Delitto via Poma

Il 26 gennaio 2011 la Corte d’Assise di Roma condanna a 24 anni di reclusione Raniero Busco ritenuto colpevole dell’omicidio di Simonetta Cesaroni uccisa il 7 agosto del 1990 in un ufficio di Via Poma a Roma. Il fatto diviene, ben presto, uno dei tanti misteri d’Italia, uno dei numerosi delitti irrisolti e viene conosciuto come il Delitto di via Poma. Vent’anni dopo esce la sentenza di condanna di primo grado.

Busco condannato: “Questa non è giustizia” di Bruno Ruggiero + AA.VV. in Il Giorno del 27 gennaio 2011 pp. 1-3

Quei cold case che tornano in vita di Paola Pentimella Testa in Dnews del 27 gennaio 2011 p. 3

CyberChimps